Catasto

Il termine catasto viene utilizzato, in senso generale, per indicare qualsiasi rilevamento sistematico di oggetti omogenei, tipicamente accompagnato da una  mappa e da un registro. Un esempio è il  catasto alberi, quello più noto è il catasto edilizio.

Il catasto edilizio è costituito dall’insieme di documenti, mappe e atti, che descrivono i beni immobili, indicando luoghi e confini, nome dei possessori e rendite, dalle quali si calcolano tasse e imposte.

Il catasto vigente in Italia è, come recita il primo articolo della sua legge istitutiva, “geometrico”, “particellare” e non “probatorio”. Le sue registrazioni, sebbene contengano in parte le mutazioni di proprietà dei beni censiti, non hanno valore di piena prova della proprietà, ai sensi della definizione nella norma del 1886. Nel catasto ordinario, infatti, le schede relative alla conservazione del catasto fabbricati sono “intestate” ai nomi, non ai beni.

Questo tipo di servizio comprende la redazione e presentazione presso gli uffici competenti di:

  • frazionamento di immobili;
  • inserimento in mappa di fabbricati;
  • iscrizione in catasto di nuovi edifici;
  • variazione e/o frazionamento di edifici/terreni già censiti;
  • volture catastali;
  • Domande di allineamento.

Lascia un commento

tạp chí gia đìnhtạp chí mẹ và bétư vấn xây nhàthời trang trẻ emdownload wordpress themes freedownload wordpress plugin freedownload magento themes free